Come realizzare foto panoramiche da sogno: 5 cose che devi sapere

La fotografia di paesaggio, che si naturale o urbano, è un genere fotografico che lascia molto campo alla creatività. Per questo motivo, spesso tendiamo a spingerci là dove i nostri obiettivi non riescono ad arrivare, abbiamo sempre quella voglia e desiderio di realizzare foto panoramiche che catturino tutto il paesaggio circostante, sebbene delle volte l’obiettivo da solo non sia sufficiente a soppiantare l’immensità del soggetto. Da qui, l’argomento che di seguito tratteremo: realizzare foto panoramiche in maniera semplice, rapida e senza spendere nulla.

 

Foto panoramiche: 5 cose che devi assolutamente sapere

 

1) Impostare la fotocamera:

  • Per ottenere risultati migliori, vi consigliamo di impostare la vostra reflex in modalità M (manuale), così, una volta trovata l’esposizione corretta, non dovrete più toccare i comandi e potrete concentravi unicamente sulla composizione della vostre foto panoramiche. Importante è mantenere gli stessi parametri per ogni scatto, per evitare di avere differenze tonali quando poi andrete ad unificare tutti gli scatti della panoramica in post-produzione.
  • Stesso discorso vale per il bilanciamento del bianco; anch’esso deve essere impostato manualmente, così da risparmiare tempo in post-produzione
  • Importante è mantenere un diaframma intorno agli f11 / f16, così da garantire che tutto il vostro paesaggio sia nitido e a fuoco.
  • ISO: cercate di regolarli mantenendoli su valori bassi, così da non riportare troppo rumore sulla foto finale.
  • Scegliete voi il formato, JPG o RAW, vanno bene entrambi; il primo vi farà risparmiare alcuni passaggi, il secondo vi darà modo di avere un file grezzo, arrangiandolo a vostro piacimento in un secondo momento.

2) Lunghezza focale:

  • La scelta della lunghezza focale è un fattore determinante per la buona riuscita delle foto panoramiche, preso atto del fatto che se utilizzate uno zoom dovrete impostare quella focale, e quella dovrà rimanere per tutta la sequenza di scatti. Partendo, inoltre, dal presupposto che i grandangoli vi aiutano ad avere una visuale di campo molto ampia, siamo costretti ad ammettere che nelle foto panoramiche non è sempre così utile, specie se si desidera catturare e mettere in rilievo nello scatto un particolare o un dettaglio. Infatti, il grandangolo a causa delle sue forti distorsioni ai bordi, può crearvi problemi poi in fase di sviluppo della vostra foto; meglio quindi utilizzare una focale fissa uguale o superiore ai 50mm può essere un buon compromesso per ottenere risultati soddisfacenti, oltre che permettervi ingrandimenti maggiori come nell’esempio qui sotto (foto scattate con un 200mm).

Foto panoramiche, Tecnica fotografica, Esempio

3) Treppiede:

  • Il treppiede è sempre un vostro alleato! Sembra scontato, ma il treppiede per le foto panoramiche è quasi indispensabile: oltre a garantirvi immagini stabili e nitide, vi aiuta a mantenere una linea retta durante le vostre riprese mentre vi spostate con la rotazione della fotocamera mantenendo sempre dritto l’orizzonte (a ruotare sarà la testa del cavalletto), semplificando poi il lavoro in post produzione, perché avrete tutte le immagini ordinate. Le rotazioni compiute a mano libera, rischiano di far disallineare le foto, rendendo poi più complicato il lavoro in fase di post produzione.

4) Tecnica:

  • Le foto panoramiche non sono affatto difficili da realizzare; procediamo per gradi. Per prima cosa dovete trovare il posto dal quale fare la ripresa, suggeriamo di recarvi in luoghi leggermente elevati rispetto al soggetto, così da garantirvi una visuale bella ampia, senza elementi che possano disturbare il vostro primo piano. Successivamente dovrete posizionarvi con cavalletto e fotocamera all’incirca dove pensate che sia il vostro centro della foto finale; Una volta regolata l’esposizione e la messa a fuoco, comincerete a riprendere il primo fotogramma partendo da sinistra o da destra (come vi trovate più comodi) della vostra foto panoramica. Lo scatto successivo dovrà rispettare una semplice regoletta:  tenendo ben saldo l’asse orizzontale del cavalletto, comincerete a ruotarlo di qualche grado. Come sapere di quanto dobbiamo spostarci? Semplice, ricordatevi di prendere un punto di riferimento quando state effettuando il primo scatto, il punto di riferimento dovrà essere all’incirca poco dopo la metà destra del fotogramma. Ora ruotando la fotocamera delicatamente, sposterete il punto di riferimento fino a farlo posizionare sul lato opposto, cioè quello sinistro del fotogramma, e cosi via per gli scatti seguenti (vedi immagine sotto). Sarete voi a scegliere quanti scatti sono necessari per completare la panoramica; questo dipenderà anche dalla lunghezza focale che starete utilizzando; infatti, maggiore sarà l’angolo di campo, minori saranno gli scatti che effettuerete, minore sarà l’angolo di campo, maggiori saranno gli scatti che dovrete eseguire per completare la foto.Foto panoramiche, Photoshop, Tecnica fotografica
  • Suggerimento: poiché le foto panoramiche si sviluppano in orizzontale, vi consigliamo di scattare con la fotocamera in verticale, così da avere una rapporto di proporzione adeguato tra altezza e larghezza, per essere più chiari, l’effetto che otterrete scattando in orizzontale saranno delle immagini molto schiacciate.

5) Come unire i tuoi scatti con Photoshop:

  • Realizzare foto panoramiche quando non esistevano i software di oggi era sicuramente molto complicato e dispendioso. Ma oggi fortunatamente i principali software di fotoritocco consentono, tramite plugin, di fondere gli scatti in maniera alquanto precisa, facendo risparmiare tempo e lavoro. Uno dei programmi più diffusi che potete utilizzare è Photoshop; la suite Adobe infatti permette in modo molto semplice ed intuitivo, di caricare la serie di immagini che abbiamo scattato tramite il plugin Photomerge. Lanciato il programma dal menù, vi basterà impostare il layout automatico e al resto penserà tutto Photoshop. Spendo due parole per anticiparvi che il processo potrebbe durare parecchi minuti, questo a seconda della vostra configurazione hardware del pc/mac, ma non preoccupatevi, il risultato è garantito!
  • Una volta terminato il merge, avrete davanti la vostra foto panoramica che andrà ritagliata e elaborata a vostro gusto e piacimento 🙂
  • Abbiamo realizzato un video tutorial dove vi mostriamo come comporre le foto panoramiche attraverso il plugin di Photoshop “photomerge” in pochi e semplici passaggi. Il video tutorial lo potete trovare cliccando qui.

Se hai trovato questo articolo interessante aiutaci a condividerlo con i tuoi amici oppure registrati alla nostra Newsletter per restare sempre aggiornato sulle notizie dal mondo della fotografia.

L'autore

Marco Carotenuto

Mi chiamo Marco. Ho 34 anni. Fotografo prima, art director poi, fremo per il non convenzionale. Ideare, ricreare, scomporre e immaginare nuovi punti da cui sbirciare il mondo sono il sale della mia vita. Divertirsi, prima di stupire e rendere partecipi, coinvolgere chi ci sta di fronte sono i pilastri di questa professione, impregnata di magia. Il trucco? Farlo in modo serio, proprio come fanno i bambini a capo di un gioco. Apertura mentale e sguardo curioso mi hanno accompagnato, scandendo il mio approccio alla fotografia e alla pubblicità. Sono un fotografo professionista che ha studiato alla scuola romana di fotografia; la mia passione principale è la fotografia di paesaggio e la natura nel suo essere. Ho ricevuto due riconoscimenti da parte di Nikon, con la pubblicazione sul libro annuale. Sono stato invitato a partecipare a più mostre fotografiche, tra cui Molise cinema e MArteLive.