Come pulire la lente di un obiettivo: quello di cui hai bisogno

Uno dei momenti che spaventa di più noi fotografi, arriva quando si ha la necessità di dover pulire la lente di un obiettivo dalla polvere o, peggio ancora, da ditate unte. La prima cosa che viene spontanea fare, un po’ come avviene con gli occhiali, è quella di alitarci sopra e con un pezzo di stoffa di fortuna, come ad esempio una maglietta, strofinare leggermente per pulire il tutto. Questa è una pratica di fortuna, che può essere utilizzata in casi di estremo bisogno, ma è stata sconsigliata anche in un articolo pubblicato qualche tempo fa da Nikon: innanzi tutto i panni potrebbero nascondere polvere incastrata nella trama del tessuto, secondo poi, anche il gesto di “alitarci sopra” a lungo andare può rischiare di far rovinare i trattamenti presenti sulle lenti, poiché il nostro alito non è composto solamente da vapore acqueo, ma anche da acidi. Quindi, come pulire la lente di un obiettivo in maniera corretta?

Come pulire la lente di un obiettivo: consigli per non rovinare nulla

Quello di cui hai bisogno:

– Pompetta

Il primo prodotto che consigliamo di utilizzare e acquistare è la classica pompetta. Con essa, infatti, puoi togliere la polvere che si è depositata in superficie, facendo delle semplici pressioni; se la polvere non è troppo resistente verrà soffiata via. Con questo accessorio, inoltre, potrai pulire anche il sensore della tua reflex, facendo sempre molta attenzione perché i sensori sono delicati.
Come pulire la lente di un obiettivo, tecnica fotografica

– Pennello

Il pennello ti tornerà molto utile per eliminare delicatamente la polvere presente sulle lenti degli obiettivi; spolverando delicatamente puoi togliere gli ultimi residui restanti, che non sono venuti via con la pompetta. Inoltre, la versione che offre la casa Lenspen è provvista di un tampone in fibra, capace di sostituire il panno in microfibra, per cancellare le impronte o altri segni di sporco lasciate sopra la lente.
Come pulire la lente di un obiettivo, tecnica fotografica

– Panno in microfibra

Un’altra soluzione che puoi adottare è quella di acquistare un panno in microfibra oppure delle “pec-pads” per rimuovere i residui di polvere depositati sulle lenti.
Come pulire la lente di un obiettivo, tecnica fotografica

– Liquido

Forse uno degli strumenti meno necessari per pulire la lente di un obiettivo, solitamente il liquido lo si utilizza quando sulla lente ci sono delle macchie di unto che non ne vogliono proprio sapere di andare via. Mi raccomando che il liquido non va versato direttamente sulla lente, piuttosto, metti una, massimo due gocce su un panno o sul pennello, e poi ti sposti con dei movimenti circolari, partendo dal centro

Come pulire la lente di un obiettivo fai da te

Quando ti appresti a pulire la lente di un obiettivo evita per prima cosa di soffiarci o alitarci sopra, piuttosto, prendi la pompetta e con un paio di spruzzate energiche vedi se riesci ad eliminare i residui di polvere presenti sulla superficie. Nel caso in cui sia presente dello sporco più resistente, allora potrai intervenire utilizzando il panno in microfibra oppure il pennello. Posizionati sulla parte centrale dell’obiettivo e comincia a compiere dei piccoli movimenti circolari che man mano si allargano fino ad arrivare all’esterno. Ripeti questo procedimento un paio di volte e se lo sporco proprio non accenna ad andare via, come ad esempio avviene con l’unto, dovrai utilizzare massimo un paio di gocce di liquido sul panno o pennello e ripetere i movimenti circolari dal centro verso l’esterno.

Se hai trovato interessante questo articolo, aiutaci a condividerlo con i tuoi amici, oppure, registrati alla Newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle novità dal mondo della fotografia.

L'autore

Marco Carotenuto

Mi chiamo Marco. Ho 36 anni. Fotografo prima, art director poi, fremo per il non convenzionale. Ideare, ricreare, scomporre e immaginare nuovi punti da cui sbirciare il mondo sono il sale della mia vita. Divertirsi, prima di stupire e rendere partecipi, coinvolgere chi ci sta di fronte sono i pilastri di questa professione, impregnata di magia. Il trucco? Farlo in modo serio, proprio come fanno i bambini a capo di un gioco. Apertura mentale e sguardo curioso mi hanno accompagnato, scandendo il mio approccio alla fotografia e alla pubblicità. Sono un fotografo professionista che ha studiato alla scuola romana di fotografia; la mia passione principale è la fotografia di paesaggio e la natura nel suo essere. Ho ricevuto due riconoscimenti da parte di Nikon, con la pubblicazione sul libro annuale. Sono stato invitato a partecipare a più mostre fotografiche, tra cui Molise cinema e MArteLive.