Rokinon/Samyang annuncia due nuove lenti per Canon

La casa madre Rokinon ha annunciato l’arrivo di due nuove lenti, che andranno a completare così la già ampia gamma di ottiche dedicate alle fotocamere APS-C e Micro Quattro Terzi. Colmando così questa lacuna, Rokinon ha sfornato il suo nuovo Rokinon 50mm f/1.2, ideato e studiato per chi ama la fotografia di ritratto e il Rokinon 21mm f/1.4, che offrirà un ampia prospettiva grandangolare e non solo.

Rokinon 50mm f/1.2

Rokinon 50mm f1.2, Rokinon 21mm f1.4, novità

La prima nota positiva che fa brillare gli occhi a noi fotografi è l’ampia apertura che consentirà di giocare molto con la profondità di campo e permetterà quindi di avere immagini con sfocati davvero unici; ma non c’è solo questo. Infatti, l’obiettivo vanta una coppia di elementi asferici che aiutano a controllare ed eliminare le aberrazioni cromatiche e un rivestimento al fluoro su ogni lente che aiuta a ridurre i riflessi e gli effetti ghost, garantendo un ottima resa per nitidezza e contrasto. Unica neo negativo (se si può definire negativo) è la messa a fuoco priva di motore, per cui sarà rigorosamente manuale.

Rokinon 21mm f/1.4

Rokinon 50mm f1.2, Rokinon 21mm f1.4, novità

Questo 21mm è una lente grandangolare straordinaria. Con un apertura massima di diaframma pari a f/1.4, è possibile utilizzare quest’ottica anche in condizioni di luce scarsa. La sua costruzione ottica interna è composta da 3 elementi asferici, che aiutano a ridurre al minimo le varie aberrazioni e riflessi, un elemento a bassa dispersione e tutte le lenti sono state trattate con Ultra Multi Coating. Il diaframma possiede 9 lamelle che contribuiscono a rendere lo sfocato morbido e gradevole. Come per il 50mm f/1.2, il 21mm non avrà un motore interno per l’AF, per cui si dovrà focheggiare manualmente.

Questi nuovi obiettivi saranno disponibili all’incirca da metà Ottobre; al momento non sono trapelati i prezzi, ma dovrebbe aggirarsi intorno ai 5/600 dollari.

Fonte CC.

L'autore

Marco Carotenuto

Mi chiamo Marco. Ho 36 anni. Fotografo prima, art director poi, fremo per il non convenzionale. Ideare, ricreare, scomporre e immaginare nuovi punti da cui sbirciare il mondo sono il sale della mia vita. Divertirsi, prima di stupire e rendere partecipi, coinvolgere chi ci sta di fronte sono i pilastri di questa professione, impregnata di magia. Il trucco? Farlo in modo serio, proprio come fanno i bambini a capo di un gioco. Apertura mentale e sguardo curioso mi hanno accompagnato, scandendo il mio approccio alla fotografia e alla pubblicità. Sono un fotografo professionista che ha studiato alla scuola romana di fotografia; la mia passione principale è la fotografia di paesaggio e la natura nel suo essere. Ho ricevuto due riconoscimenti da parte di Nikon, con la pubblicazione sul libro annuale. Sono stato invitato a partecipare a più mostre fotografiche, tra cui Molise cinema e MArteLive.