Il nuovo standard DisplayPort 2.0 può collegare insieme tre monitor 10K o un singolo monitor 16K

VESA ha annunciato il primo importante aggiornamento dello standard DisplayPort 2.0 Audio/Video dal 2016.
Il nuovo standard DisplayPort 2.0 triplica la larghezza di banda a un incredibile 77,37 Gbps, che consentirà di supportare fino a un segnale 16K a 60Hz, due segnali 8K a 120Hz o tre segnali 10K a 60Hz, il tutto a 30 bit per pixel.

A quanto pare, DisplayPort 2.0 è stato reso possibile dalla collaborazione di VESA con Intel. Come spiega Jeff Loch di Cinema5D, Thunderbolt 3 raggiunge il massimo a 40 Gbps perché è bidirezionale, dedicando 40 Gbps della sua larghezza di banda all’invio e 40 Gbps alla ricezione.
DisplayPort 2.0, d’altra parte, è unidirezionale, permettendogli di trasmettere semplicemente l’intero 80Gbps in un’unica modalità.

Lo standard ha anche aggiunto un “protocollo di mappatura dei dati del flusso di visualizzazione” che consentirà a DisplayPort 2.0 di gestire diverse configurazioni di schermi multipli “tramite una docking station o schermi concatenabili”.

Secondo VESA, DP2.0 supporterà:
Un display 16K (15360 × 8460) a 60Hz e 30 bpp 4: 4: 4 HDR (con DSC)
Un display da 10 K (10240 × 4320) a 60Hz e 24 bpp 4: 4: 4 (nessuna compressione)
Due display 8K (7680 × 4320) a 120Hz e 30 bpp 4: 4: 4 HDR (con DSC)
Due display 4K (3840 × 2160) @ 144Hz e 24 bpp 4: 4: 4 (nessuna compressione)
Tre display 10K (10240 × 4320) a 60Hz e 30 bpp 4: 4: 4 HDR (con DSC)
Tre display 4K (3840 × 2160) a 90Hz e 30 bpp 4: 4: 4 HDR (nessuna compressione)

Ciò rende DisplayPort 2.0, “il primo standard a supportare la risoluzione 8K (7680 x 4320) a una frequenza di aggiornamento di 60 Hz con risoluzione a colori 4: 4: 4, anche con 30 bit per pixel (bpp) per il supporto HDR-10. “Ciò rende anche molto più probabile che i produttori di monitor accelerino la loro creazione di display 8K+.

Secondo VESA, i primi prodotti che incorporano DP 2.0 dovrebbero comparire sul mercato entro la fine del 2020. Per saperne di più sul nuovo standard, leggete l’annuncio completo sul sito Web di VESA.

L'autore

Michele Ricci

Inizia a 5 anni scattando di nascosto con la Nikon F2 di suo padre mostrando, da subito, di amare la fotografia più di ogni altra cosa. Osservatore curioso, viaggiatore incallito, camminatore infaticabile, cultore e divulgatore della materia, si divide tra fotografia di paesaggio, fine art, ritrattistica e street photography collaborando a svariati progetti professionali senza mai smettere di nutrire la propria passione personale.